Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
GSK Ematologia

Il regime a base di Daratumumab estende la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con mieloma recidivante o refrattario, non-responder a Lenalidomide


Uno studio ha mostrato che l'aggiunta di Daratumumab ( Darzalex ) a Pomalidomide ( Imnovid ) e Desametasone ha esteso la sopravvivenza senza progressione ( PFS ) tra i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che erano refrattari a Lenalidomide.
Il profilo di sicurezza della combinazione è apparso coerente con le precedenti segnalazioni per Daratumumab, Pomalidomide e Desametasone.

Nell'analisi primaria dello studio di fase 3 APOLLO, con un follow-up mediano di 16.9 mesi, l'aggiunta di Daratumumab sottocutaneo ( Darzalex Faspro ) a Pomalidomide e Desametasone aveva mostrato un significativo beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione, rispetto a Pomalidomide e Desametasone da soli nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

L'obiettivo dello studio era valutare l'efficacia e la sicurezza di Daratumumab più Pomalidomide e Desametasone rispetto a Pomalidomide e Desametasone da soli nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario in APOLLO, con ulteriori 13.8 mesi di follow-up dall'analisi primaria

L'analisi ha incluso 304 adulti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che avevano ricevuto almeno una precedente linea di terapia, tra cui un inibitore del proteosoma e Lenalidomide, e avevano risposto al trattamento.
I pazienti con una sola linea di terapia in precedenza dovevano essere refrattari alla Lenalidomide per l'inclusione.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 a Daratumumab più Pomalidomide e Desametasone ( n = 151; età media, 67 anni; range, 42-86; 79.5% refrattari a Lenalidomide ) oppure a Pomalidomide e Desametasone ( n = 153; età media, 68 anni; range 35-90; 79.7% refrattari a Lenalidomide ).
I pazienti sono stati stratificati per stadi di malattia ( I vs II vs III ) e numero di linee di terapia ( 1 vs 2-3 vs 4 ).

Tutti i pazienti hanno ricevuto cicli di 28 giorni di Pomalidomide per os, alla dose di 4 mg al giorno nei giorni da 1 a 21, e Desametasone per os, alla dose di 40 mg ( 20 mg per i pazienti di età pari o superiore a 75 anni ) al giorno nei giorni 1, 8, 15 e 22.

I pazienti nel gruppo Daratumumab hanno ricevuto anche Daratumumab per via sottocutanea ( 1.800 mg; co-formulato con Ialuronidasi umana ricombinante PH20 ) o, prima di una modifica del protocollo, per via endovenosa ( 16 mg/kg; n = 7 ) settimanalmente durante i cicli da 1 a 2, ogni 2 settimane durante i cicli da 3 a 6 e successivamente ogni 4 settimane.
Coloro che hanno ricevuto Daratumumab per via endovenosa sono stati autorizzati a passare a Daratumumab sottocutaneo a partire dal giorno 1 del ciclo 3 o successivo.

Tra i pazienti refrattari a Lenalidomide, l'ultima dose di Lenalidomide ricevuta era stata di 5 - 10 mg per 30 pazienti ( 25% ) nel gruppo Daratumumab - Pomalidomide - Desametasone e 31 pazienti ( 25.4% ) nel gruppo Pomalidomide-Desametasone; e da 15 a 25 mg per 86 pazienti ( 71.7% ) nel gruppo Daratumumab-Pomalidomide-Desametasone e 89 pazienti ( 73% ) nel gruppo Pomalidomide-Desametasone.

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a trattamento fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

106 pazienti del gruppo Daratumumab-Pomalidomide-Desametasone e 134 del gruppo Pomalidomide-Desametasone hanno interrotto il trattamento, la maggior parte a causa della progressione della malattia.

La sopravvivenza libera da progressione fungeva da endpoint primario.

Il follow-up mediano è stato di 30.7 mesi.

I risultati hanno mostrato una sopravvivenza libera da progressione mediana di 12.1 mesi nel gruppo Daratumumab-Pomalidomide-Desametasone rispetto a 7 mesi nel gruppo Pomalidomide-Desametasone ( hazard ratio, HR = 0.63; IC 95%, 0.48-0.83 ).
Il tasso stimato di sopravvivenza libera da progressione a 18 mesi nella popolazione intent-to-treat è stato pari al 40.9% con il regime Daratumumab, contro 25.5% con Pomalidomide e Desametasone da soli.

Il regime Daratumumab ha anche conferito una sopravvivenza mediana libera da progressione più lunga tra i pazienti refrattari alla Lenalidomide ( 9.9 versus 6.5 mesi; HR = 0.64; IC 95%, 0.48-0.86 ) e i pazienti refrattari alla Lenalidomide che per ultimi hanno ricevuto una dose di Lenalidomide da 5 a 10 mg ( 10.3 vs 8.5 mesi; HR = 0.83; IC 95%, 0.47-1.45 ) o da 15 a 25 mg ( 10.7 vs 6.5 mesi; HR=0.56; IC 95%, 0.39-0.8 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3 o superiore sono stati osservati tra 133 pazienti ( 89.3% ) nel gruppo Daratumumab-Pomalidomide-Desametasone e 123 pazienti ( 82% ) nel gruppo Pomalidomide-Desametasone.
Queste reazioni avverse includevano: neutropenia ( 69.1% con Daratumumab vs 50.7% senza ), trombocitopenia ( 18.1% vs 18.7% ) e anemia ( 18.1% vs 21.3% ).
La polmonite di grado da 3 a 4 si è verificata in quasi il doppio dei pazienti nel gruppo Daratumumab ( 15.5% vs 8.7% ).
76 pazienti ( 51% ) nel gruppo Daratumumab-Pomalidomide-Desametasone e 61 pazienti ( 40.7% ) nel gruppo Daratumumab più Pomalidomide hanno manifestato eventi avversi gravi.

Con un follow-up esteso dello studio di fase 3 APOLLO, l'aggiunta di Daratumumab per via sottocutanea a Pomalidomide e Desametasone ha continuato a dimostrare un beneficio in termini di sopravvivenza senza progressione e a ottenere risposte più profonde rispetto a Pomalidomide e Desametasone da soli nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro