Janssen Oncology
Roche
ELN 2018
Ematobase.it

Belantamab Mafodotin nel mieloma multiplo: risultati promettenti dallo studio di fase 2 DREAMM-2


Uno studio di fase 2 ha mostrato che Belantamab Mafodotin, un immunoconiugato sperimentale mirato all'antigene della maturazione delle cellule B ( BCMA ), ha portato a una risposta clinica in circa un terzo dei pazienti con mieloma multiplo resistente al trattamento.
La profondità e la durata delle risposte osservate con Belantamab Mafodotin a singolo agente in questa popolazione si confronta favorevolmente con le risposte descritte con altri trattamenti di combinazione approvati per il mieloma multiplo recidivante o refrattario.

Lo studio DREAMM-2, in aperto, è stato condotto presso 58 Centri specializzati in 8 Paesi.
Un totale di 293 pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario sono stati assegnati in modo random a ricevere 2.5 o 3.4 mg/kg di Belantamab Mafodotin ogni tre settimane.
Il farmaco è stato somministrato il primo giorno di ciascun ciclo fino a quando i pazienti hanno manifestato progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

Tutti i partecipanti avevano una storia di progressione della malattia dopo una precedente terapia, con oltre l'80% dei pazienti che avevano ricevuto più di 4 precedenti linee di terapia.
I pazienti erano risultati refrattari ai farmaci immunomodulatori e agli inibitori del proteasoma e erano refrattari e/o non-tolleranti il trattamento con anticorpi monoclonali anti-CD38.

I punteggi ECOG Performance Status erano compresi tra 0 e 2.
I partecipanti avevano una età mediana dai 65 ai 67 anni all'inizio dello studio; circa il 25% presentava insufficienza renale da moderata a grave; la maggior parte presentava malattia di stadio II a III; e circa un quinto dei pazienti aveva una malattia extramidollare.

I pazienti nanno ricevuto una mediana di tre cicli di trattamento e sono stati seguiti per una mediana di 6.3 mesi ( intervallo, 4.8-7.9 mesi ).

Una analisi intention-to-treat ( ITT ) di 196 pazienti ha mostrato che il 31% ( 30/97 ) di quelli nel gruppo 2.5 mg/kg e il 34% ( 34/99 ) di quelli nel gruppo 3.4 mg/kg ha avuto una risposta globale, definita come risposta parziale o meglio utilizzando i criteri IMWG ( International Myeloma Working Group ).

La durata del follow-up al momento della raccolta dei dati non era abbastanza lunga per determinare la sopravvivenza globale ( OS ), ma i tassi di mortalità in quel momento erano del 33% e del 31% nei gruppi, rispettivamente, 2.5 e 3.4 mg/kg.

In una analisi di sicurezza comprendente tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Belantamab Mafodotin, è stato scoperto che quasi tutti i partecipanti hanno manifestato almeno un evento avverso.
Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni erano la cheratopatia ( 27% e 21%, rispettivamente, nei gruppi 2.5 e 3.4 mg/kg ), trombocitopenia ( 20% e 33% ) e anemia ( 20% e 25% ).
Gli eventi avversi gravi si sono verificati nel 40% di quelli nel gruppo 2.5 mg/kg e nel 47% di quelli nel gruppo 3.4 mg/kg.

Ci sono stati due decessi probabilmente correlati al trattamento, incluso un caso di sepsi e un caso di linfoistiocitosi emofagocitica. ( Xagena2020 )

Fonte: Lancet Oncology, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro