Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Impatto della seconda neoplasia primaria post-trapianto autologo sugli esiti del mieloma multiplo: un'analisi CIBMTR


La sopravvivenza globale ( OS ) è migliorata significativamente nel mieloma multiplo ( MM ) nell'ultimo decennio con l'uso di inibitori del proteasoma e combinazioni basate su farmaci immunomodulatori, seguiti da Melfalan ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( auto-HSCT ) e successive terapie di mantenimento nei pazienti idonei di nuova diagnosi.

Tuttavia, gli studi clinici che hanno analizzato il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche seguito dal mantenimento con Lenalidomide hanno mostrato un aumento del rischio di seconde neoplasie primarie ( SPM ), comprese le seconde neoplasie ematologiche ( SHM ).

È stato valutato l'impatto di seconde neoplasie primarie e seconde neoplasie ematologiche sulla sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sulla sopravvivenza globale nei pazienti con mieloma multiplo dopo trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche utilizzando i dati del registro CIBMTR.

Sono stati inclusi pazienti adulti con mieloma multiplo sottoposti al primo trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche negli Stati Uniti con regime di condizionamento con Melfalan dal 2011 al 2018 e che hanno ricevuto terapia di mantenimento ( n=3.948 ).

A un follow-up mediano di 37 mesi, 175 pazienti ( 4% ) hanno sviluppato seconde neoplasie primarie, di cui 112 ( 64% ) solide, 36 ( 20% ) mieloidi, 24 ( 14% ) seconde neoplasie ematologiche, non altrimenti specificate, e 3 ( 2% ) neoplasie linfoidi.

L'analisi multivariata ha dimostrato che seconde neoplasie primarie e seconde neoplasie ematologiche sono state associate a minore sopravvivenza libera da progressione inferiore ( hazard ratio, HR 2.62, P di 0.001 e HR 5.01, P minore di 0.001, rispettivamente ) e sopravvivenza globale ( HR 3.85, P minore di 0.001 e HR 8.13, P minore di 0.001, rispettivamente ).

Nei pazienti che hanno sviluppato seconde neoplasie primarie e seconde neoplasie ematologiche, il mieloma multiplo è rimasto la causa primaria di morte più frequente ( rispettivamente 42% vs 30% e 53% vs 18% ).

In conclusione, lo sviluppo di seconde neoplasie primarie e seconde neoplasie ematologiche porta a una ridotta sopravvivenza nei pazienti con mieloma multiplo ed è un'importante minaccia alla sopravvivenza.
Dato che la sopravvivenza mediana per mieloma multiplo continua a migliorare, è necessaria una vigilanza continua per valutare i rischi di seconde neoplasie primarie e seconde neoplasie ematologiche con la terapia di mantenimento post-trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche. ( Xagena2023 )

Ragon BK et al, Blood Adv 2023; 7: 2746-2757

Emo2023 Onco2023



Indietro