Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Interventi ed esiti dei pazienti con mieloma multiplo sottoposti a terapia di salvataggio dopo terapia CAR-T mirata a BCMA


La terapia con cellule T del recettore chimerico dell'antigene ( CAR-T ) mirata all'antigene di maturazione delle cellule B ( BCMA ) ha dimostrato una notevole efficacia nei pazienti con mieloma multiplo recidivato / refrattario, e ora ci sono due prodotti CAR-T mirati a BCMA approvati dalla Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ).

Tuttavia, nonostante gli alti tassi di risposta iniziale, la maggior parte dei pazienti alla fine va incontro a recidiva.

Gli esiti dei pazienti con recidiva di malattia dopo CAR-T mirata a BCMA non sono stati studiati in modo completo e tale analisi aiuterebbe a definire strategie di trattamento ottimali.

Sono stati analizzati i trattamenti di salvataggio e gli esiti di 79 pazienti con mieloma multiplo di due istituzioni accademiche, che hanno presentato progressione della malattia dopo il trattamento con CAR-T mirata a BCMA.

Sono state utilizzate in totale 237 linee di trattamento di salvataggio post-CAR-T e i pazienti hanno ricevuto un mediana di 2 linee di trattamento.

La sopravvivenza globale mediana dalla data della recidiva post-terapia con CAR-T è stata di 17.9 mesi.

Il tasso di risposta globale al primo regime di salvataggio è stato del 43.4%, con una sopravvivenza libera da progressione mediana di 3.5 mesi. 35 pazienti ( 44.3% ) hanno ricevuto una terapia di coinvolgimento delle cellule T ( anticorpo bispecifico o successive terapie CAR-T ) come trattamento di salvataggio.

La sopravvivenza globale nei pazienti che hanno ricevuto una successiva terapia di coinvolgimento delle cellule T non è stata raggiunta dopo un follow-up mediano di 21.3 mesi.

I pazienti con mieloma multiplo che hanno recidivato dopo CAR-T mirata a BCMA hanno una prognosi limitata ma possono essere potenzialmente trattati con più linee di terapia di salvataggio.
Le terapie che coinvolgono le cellule T sembrano mantenere un'attività clinica pronunciata in questo contesto. ( Xagena2023 )

Van Oekelen O et al, Blood 2023;141:756-765

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro