Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Janssen Oncology

L'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib e Desametasone può rappresentare una nuova opzione per i pazienti con progressione del mieloma multiplo dopo trattamento con un agente immunomodulante


Uno studio di fase 3 ha mostrato che l'aggiunta di Isatuximab ( Sarclisa ) a Carfilzomib ( Kyprolis ) e Desametasone ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la profondità della risposta nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

IKEMA ha studiato il vantaggio dell'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario trattati con 1-3 precedenti linee di terapia. Lo studio ha arruolato 302 pazienti da 69 centri in 16 Paesi.
I pazienti avevano un'età media di 64 anni e avevano ricevuto una media di due linee di terapia in precedenza.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Isatuximab più Carfilzomib e Desametasone ( 179 pazienti ) o Carfilzomib più Desametasone ( n=123 ).

La durata mediana del trattamento è stata di 80.0 settimane nel gruppo Isatuximab e di 61.4 settimane nel gruppo controllo.

A un follow-up mediano di 20.7 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel gruppo Isatuximab ed è stata di 19.5 mesi nel gruppo controllo ( hazard ratio, HR=0.53; IC 99%, 0.32-0.89; P = 0.0007 ).
La sopravvivenza PFS stimata a 2 anni è stata del 68.9% nel gruppo Isatuximab e del 45.7% nel gruppo controllo.

Non è stata osservata alcuna differenza significativa nel tasso di risposta globale ( ORR ) tra i gruppi.
Il tasso ORR è stato dell'87% nel gruppo Isatuximab e dell'83% nel gruppo controllo ( P = 0.19 ).

Tuttavia, il tasso di risposta parziale molto buona o migliore è risultato significativamente più alto con Isatuximab che senza ( 73% e 56%, rispettivamente; P = 0.0011 ).
Il tasso di risposta completa è stato rispettivamente del 40% e del 28%.

Il tasso di negatività della malattia minima residua ( MRD ) nel gruppo Isatuximab è risultato più del doppio del tasso di negatività MRD nel gruppo controllo: rispettivamente 30% e 13% ( P = 0.0004 ).
I tassi di risposta completa MRD-negativa sono stati rispettivamente pari al 20% e all'11%.

Gli eventi avversi comuni emergenti dal trattamento ( TEAE ) di qualsiasi grado ( rispettivamente nei gruppi Isatuximab e controllo ) sono stati: ipertensione ( 37% vs 31% ), diarrea ( 36% vs 29% ) e infezione del tratto respiratorio 24% ).
Le reazioni correlate all'infusione si sono verificate più frequentemente nel gruppo Isatuximab rispetto al gruppo controllo ( 46% vs 3% ).

Il tasso di eventi TEAE di grado 3 o superiore è stato del 77% nel gruppo Isatuximab e del 67% nel gruppo controllo, mentre il tasso di eventi TEAE gravi è stato rispettivamente del 59% e del 57%.

Gli eventi TEAE hanno portato all'interruzione nell'8% del gruppo Isatuximab e nel 14% del gruppo controllo.
Gli eventi TEAE ad esito fatale si sono verificati nel 3% dei pazienti in entrambi i gruppi.

Presi complessivamente, questi dati hanno mostrato che Isatuximab più Carfilzomib e Desametasone può rappresentare un nuovo standard di cura per i pazienti con mieloma multiplo recidivante.
In particolare, l'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib e Desametasone è una nuova opzione di trattamento per i pazienti con progressione della malattia dopo trattamento con un agente immunomodulante, o in coloro che erano refrattari ai farmaci immunomodulanti. ( Xagena2021 )

Fonte: The Lancet, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro