Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen

Mieloma multiplo: il mantenimento con Daratumumab ha prolungato le risposte a seguito di trapianto autologo di cellule staminali e consolidamento / induzione standard


I pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che hanno ricevuto trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) più terapia di induzione e consolidamento con Bortezomib, Talidomide e Desametasone ( regime VTd ) hanno beneficiato della terapia di mantenimento con Daratumumab ( Darzalex ).

Lo studio di fase 3, randomizzato, in aperto, CASSIOPEIA, nei pazienti con mieloma multiplo idoneo al trapianto ( n = 1085 ), ha confrontato la combinazione di Daratumumab più regime VTd ( Dara-VTd ) rispetto al solo regime VTd come consolidamento / induzione in questa popolazione di pazienti, e ha portato all'approvazione di Dara-VTd per questa indicazione.

La parte 2 dello studio ha esaminato il mantenimento con Daratumumab rispetto all'osservazione nei pazienti che hanno ottenuto una risposta parziale ( PR ) o migliore nella parte 1, indipendentemente dal braccio di terapia.
Dopo risposta parziale, i pazienti sono stati nuovamente randomizzati a Daratumumab 16 mg/kg come mantenimento ogni 8 settimane fino a progressione / fino a 2 anni, oppure osservazione.
I fattori di stratificazione hanno incluso il trattamento di induzione dei regimi VTd o Dara-VTd e la profondità della risposta.

L'endpoint primario della ricerca era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) dopo la seconda randomizzazione, con 281 eventi valutati all'analisi ad interim con un limite di efficacia di P inferiore a 0.0166. È stata valutata l'interazione tra la terapia iniziale e il mantenimento.
Gli endpoint secondari chiave erano il tempo alla progressione ( TTP ) dalla seconda randomizzazione, il tasso di risposta completa ( CR ) o migliore, la negatività per la malattia minima residua ( MRD ) e la sopravvivenza globale ( OS ).
Inoltre, sono stati effettuati aggiornamenti riguardo a sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale e tempo dall'inizio del trattamento di seconda linea alla progressione di malattia ( PFS2 ).

In totale, 886 pazienti sono stati sottoposti a nuova randomizzazione a Daratumumab ( n = 442 ) oppure ad osservazione ( n = 444 ).
Le caratteristiche dei pazienti erano ben bilanciate nei due gruppi, con pazienti con un'età media di 59 anni, con la maggioranza costituita da uomini ( 59.0% nel braccio Daratumumab versus 57.2% nel braccio osservazione ). La maggior parte dei pazienti aveva un performance status ECOG di 0 ( 57.0% e 58.6%, rispettivamente ) o di 1 ( 39.4% vs 38.7% ) e stadiazione ISS ( International Staging System ) I ( 42.8% vs 38.5% ) o ISS II ( 41.0% vs 48.2% ).
La maggior parte dei pazienti in entrambi i gruppi aveva una citogenetica ad alto rischio ( 87.0% nel gruppo Daratumumab e 84.2% nel gruppo osservazione ).
Circa tre quarti di entrambi i gruppi ( 76.2% e 75.9%, rispettivamente ) avevano almeno una risposta parziale molto buona ( VGPR ) con negatività per la malattia minima residua.

A un follow-up mediano di 35.4 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta in coloro che avevano raggiunto il mantenimento con Daratumumab rispetto a 46.7 mesi in quelli in osservazione ( hazard ratio, HR 0.53; IC 95%, 0.42-0.69; P inferiore a 0.0001 ).

Daratumumab è stato anche associato a benefici significativi nel tempo alla progressione ( HR, 0.49; IC 95%, 0.38-0.62; P inferiore a 0.0001 ) e una tendenza al miglioramento della sopravvivenza PFS2 ( HR, 0.62; IC 95%, 0.40-0.96; P = 0.0298 ).
I pazienti trattati con Daratumumab rispetto a quelli in osservazione avevano tassi elevati di risposta completa o migliori ( 72.9% vs 60.8%, rispettivamente; odds ratio, OR, 2.17; IC 95%, 1.54-3.07; P inferiore a 0.0001 ) e negatività per malattia MRD ( 58.6% vs 47.1%; P = 0.0001 ).
I dati riguardanti la sopravvivenza globale erano immaturi al momento dell'analisi.

Il profilo di sicurezza di Daratumumab è risultato gestibile, e solo il 3.0% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di effetti avversi.
Circa la metà dei pazienti ( 54.5% ) ha manifestato una reazione correlata all'infusione, per lo più di grado 1 o 2.
I secondi tumori primari si sono verificati nel 5.5% del gruppo Daratumumab e nel 2.7% del gruppo controllo.

Sebbene la sopravvivenza senza progressione non differisse significativamente tra i gruppi Daratumumab e quelli in osservazione che erano stati inizialmente trattati con Dara-VTd, è stato osservato un beneficio significativo nel mantenimento attivo rispetto all'osservazione nei pazienti che avevano ricevuto per la prima volta il regime VTd ( HR, 0.32; IC 95%, 0.23-0.46; P inferiore a 0.0001 ). ( Xagena2021 )

Fonte: European Hematology Association ( EHA ) Congress, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro