Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Negatività sostenuta per malattia minima residua nel mieloma multiplo di nuova diagnosi e impatto di Daratumumab negli studi MAIA e ALCYONE


Nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi ( NDMM ) non-idonei al trapianto, Daratumumab ( Darzalex ) ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 44% nello studio MAIA ( Daratumumab / Lenalidomide / Desametasone; regime D-Rd ) e del 58% nello studio ALCYONE ( Daratumumab / Bortezomib / Melfalan / Prednisone; regime D-VMP ).

La malattia minima residua ( MRD ) è una misura sensibile della malattia e della risposta alla terapia.
Lo stato di negatività per malattia MRD e la durabilità sono stati valutati in MAIA e ALCYONE.
Le valutazioni della malattia MRD utilizzando il sequenziamento di nuova generazione ( 10-5 soglia di sensibilità ) sono state effettuate per i pazienti che hanno ottenuto una risposta completa ( CR ) o migliore e dopo almeno una risposta completa a 12, 18, 24 e 30 mesi dalla prima dose.

Sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) in base allo stato di malattia MRD e negatività sostenuta per MRD di durata maggiore o uguale a 6 e maggiore o uguale a 12 mesi sono state analizzate nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) e tra i pazienti che hanno ottenuto almeno una risposta completa.

In MAIA ( D-Rd, n=368; Lenalidomide e Desametasone Rd, n=369 ) e ALCYONE ( D-VMP, n=350; Bortezomib / Melfalan / Prednisone; regime VMP, n=356 ), la durata mediana di follow-up è stata rispettivamente di 36.4 e 40.1 mesi.

Lo stato MRD-negativo e la negatività prolungata per MRD della durata di 6 mesi o più e 12 mesi o più sono stati associati a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, indipendentemente dal gruppo di trattamento.

Tuttavia, la terapia a base di Daratumumab ha migliorato i tassi di negatività per MRD di durata maggiore o uguale a 6 mesi ( D-Rd, 14.9% vs Rd, 4.3%; D-VMP, 15.7% vs VMP, 4.5% ) e maggiore o uguale a 12 mesi ( D-Rd, 10.9% vs Rd, 2.4%; D-VMP, 14.0% vs VMP, 2.8% ), entrambi tradotti in una migliore sopravvivenza libera da progressione rispetto ai gruppi di controllo.

In un'analisi aggregata, i pazienti MRD-negativi hanno avuto una sopravvivenza senza progressione migliore rispetto ai pazienti MRD-positivi.
I pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che hanno raggiunto lo stato MRD-negativo o una negatività sostenuta per MRD hanno avuto una remissione profonda ed esiti clinici migliorati. ( Xagena2022 )

San-Miguel J et al, Blood 2022; 139: 492-501

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro