Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Regimi basati su Daratumumab associati a sostenuta negatività per MRD nel mieloma multiplo di nuova diagnosi


Dall'analisi degli studi MAIA e ALCYONE i regimi a base di Daratumumab ( Darzalex ) sono associati a negatività prolungata della malattia minima residua ( MRD ) nei pazienti non-idonei al trapianto, e affetti da mieloma multiplo di nuova diagnosi ( NDMM ).

I risultati dello studio di fase 3 MAIA hanno mostrato che l'aggiunta di Daratumumab a Lenalidomide e Desametasone ( regime Dara-Rd ) ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 44%.

Nello studio di fase 3 ALCYONE, l'aggiunta di Daratumumab a Bortezomib, Melfalan e Prednisone ( regime Dara-VMP ) ha ridotto il rischio di progressione della malattia o di morte del 58%.

Nell'analisi corrente, i ricercatori hanno valutato lo stato della malattia minima residua e la durata della negatività della malattia MRD sia nello studio MAIA sia nello studio ALCYONE.

Nello studio MAIA, la popolazione intent-to-treat ( ITT ) ha riguardato 737 pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi assegnati in modo casuale a ricevere il regime Dara-Rd ( n=368 ) o il regime Rd ( n=369 ).
Il follow-up medio è stato di 36.4 mesi.

La popolazione ITT dello studio ALCYONE ha incluso 706 pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi assegnati in modo casuale a ricevere il regime Dara-VMP ( n=350 ) o il regime VMP ( n=356 ).
Il follow-up medio è stato di 40.1 mesi.

Daratumumab è stato associato a tassi significativamente più elevati di negatività alla malattia minima residua nella popolazione ITT e tra i pazienti che hanno ottenuto una risposta completa ( CR ) o risposta migliore.
I tassi di negatività per malattia MRD sono stati: 28.8% con Dara-Rd versus 9.2% con Rd nella popolazione ITT ( P inferiore a 0.0001 ); 26.9% con Dara-VMP vs 7.0% con VMP nella popolazione ITT ( P inferiore a 0.0001 ); 58.2% con Dara-Rd vs 34.0% con Rd nel gruppo risposta completa o migliore ( P =0.0001 ); 58.8% con Dara-VMP vs 27.8% con VMP nel gruppo risposta completa o migliore ( P inferiore a 0.0001 ).

Daratumumab è stato anche associato a tassi significativamente più alti di prolungata negatività per MRD.
I tassi di negatività per MRD della durata di 12 mesi o più sono stati: 10.9% nel braccio Dara-Rd versus 2.4% nel braccio Rd nella popolazione ITT ( P inferiore a 0.0001 ); 14.0% nel braccio Dara-VMP vs 2.8% nel braccio VMP nella popolazione ITT ( P inferiore a 0.0001 ); 22.0% nel braccio Dara-Rd vs 9.0% nel braccio Rd nel gruppo risposta completa o migliore ( P = 0.0053 ); 30.6% nel braccio Dara-VMP vs 11.1% nel braccio VMP nel gruppo risposta completa o migliore ( P = 0.0006 ).

Secondo i ricercatori, i tassi più elevati di negatività alla malattia minima residua con Daratumumab hanno portato a una prolungata sopravvivenza libera da progressione.
Un'analisi aggregata ha mostrato un miglioramento della sopravvivenza senza progressione nei pazienti che erano MRD-negativi per almeno 6 mesi o almeno 12 mesi, rispetto ai pazienti che non avevano una sostenuta negatività per MRD. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro