Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen

Sicurezza ed efficacia della terapia cellulare CAR-T Ciltacabtagene autoleucel a 18 mesi nel mieloma multiplo recidivante / refrattario


Una singola dose di Ciltacabtagene autoleucel ( Cilta-cel; Carvyky ), una terapia CAR-T diretta a BCMA ( antigene di maturazione delle cellule B ), ha prodotto risposte precoci, profonde e durature nei pazienti pesantemente pretrattati con mieloma multiplo recidivante / refrattario.

CARTITUDE-1 è uno studio di fase 1b/2 in corso. Gli obiettivi primari sono la caratterizzazione della sicurezza di Cilta-cel, compresa la sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) e la sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immunitarie, e la conferma della dose raccomandata di fase 2 e la valutazione dell'efficacia.
Sono stati presentati i risultati aggiornati dello studio con una durata più lunga del follow-up ( mediana 18 mesi ).

I pazienti arruolati nello studio avevano mieloma multiplo recidivante / refrattario con malattia misurabile che avevano ricevuto 3 o più precedenti regimi ( o doppiamente refrattari all'inibitore del proteasoma e al farmaco immunomodulatore ) e anti-CD38.
E' stata somministrata una singola infusione di Cilta-cel, con una dose mirata di 0.75 × 10(6) [ 0.5-1.0 × 10(6) ] cellule T CAR+ vitali/kg, in seguito a linfodeplezione con Ciclofosfamide / Fludarabina. La dose mediana somministrata era di 0.71×10(6) [ 0.51-0.95×10(6) ] di cellule T CAR+ vitali /kg.

Un totale di 97 pazienti, con un'età media di 61 anni ( intervallo, 43-78 anni; 58.8% maschi e 17.5% di razza nera ), che avevano una mediana di 6 precedenti linee di terapia ( intervallo 3-18 ), hanno ricevuto Cilta -cel.
La maggior parte ( 87.6% ) dei pazienti era refrattaria alla tripla classe e il 42.3% era refrattaria ai penta-farmaci. Tutti i pazienti tranne 1 ( 99% ) erano refrattari all'ultima linea di terapia.

A un follow-up mediano di 18 mesi, il tasso di risposta globale è stato del 97.9%, incluso l'80.4% con risposta completa rigorosa ( sCR ), il 14.4% con risposta parziale molto buona e il 3.1% con risposta parziale.
Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 1 mese ( intervallo, 0.9-10.7 mesi ). Il tempo mediano per risposta completa o migliore è stato di 2.6 mesi ( intervallo 0.9-15.2 mesi ).
La durata mediana della risposta è stata di 21.8 mesi ( IC 95%, 21.8- non-stimabile [ NE ] ) e per i pazienti con risposta completa rigorosa non è stata raggiunta.

Dei 61 pazienti valutabili per malattia minima residua ( MRD ), il 91.8% era MRD-negativo a 10-5 ( pazienti con risposta completa o maggiore: 89.4% ).

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 18 mesi e i tassi di sopravvivenza globale ( OS ) sono stati rispettivamente del 66% ( IC 95%, 54.9-75.0 ) e dell'80.9% ( IC 95%, 71.4-87.6 ).
La sopravvivenza PFS mediana era di 22.8 mesi ( IC 95%, 22.8-NE ) e non è stata raggiunta per quelli con risposta completa rigorosa.

Non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza con un follow-up più lungo.

Gli eventi avversi ematologici di grado 3/4 includevano: neutropenia ( 95% ), anemia ( 68% ), leucopenia ( 61% ), trombocitopenia ( 60% ) e linfopenia ( 50% ).
La sindrome da rilascio di citochina si è verificata nel 95% dei pazienti ( 95% grado 1/2 ), risolvendosi entro 14 giorni dall'esordio nella maggior parte dei casi ( 99% ); tempo mediano di insorgenza di 7 giorni ( intervallo, 1-12 giorni ).
La neurotossicità delle cellule CAR-T si è verificata nel 21% dei pazienti ( 10% con grado 3 o superiore ). ( Xagena2021 )

Fonte: Society of Hematologic Oncology ( SOHO ) Virtual Meeting, 2021

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021



Indietro