GSK Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom
Passamonti Linfoma mantellare

Una meta-analisi ha confermato il valore predittivo della negatività della malattia residua misurabile nel mieloma multiplo


Da una meta-analisi è emerso che il raggiungimento della negatività della malattia residua misurabile ( MRD ) è associato a miglioramenti significativi nella sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e nella sopravvivenza globale ( OS ) nei pazienti con mieloma multiplo.
Questa associazione è stata osservata nei pazienti ammissibili al trapianto e non-idonei al trapianto e in quelli con malattia di nuova diagnosi e malattia recidivante o refrattaria.

La malattia residua misurabile sta diventando un endpoint molto importante per il mieloma e molti studi di piccole e medie dimensioni hanno dimostrato che la negatività della malattia residua misurabile è associata a una migliore sopravvivenza nei pazienti con mieloma multiplo.

Nella meta-analisi è stata presa in esame la relazione tra malattia residua misurabile e i risultati di sopravvivenza in 45 pubblicazioni di ricerca, inclusi studi randomizzati - controllati e studi osservazionali, con tassi post-trattamento di sopravvivenza senza progressione e/o sopravvivenza globale stratificati in base allo stato di malattia residua misurabile nei pazienti con mieloma multiplo.

Quarantaquattro degli studi hanno riportato dati sulla sopravvivenza PFS per un totale di 8.098 pazienti; 23 studi avevano dati sulla sopravvivenza OS per un totale di 4.297 pazienti.

Negli studi sulla sopravvivenza PFS e sulla sopravvivenza OS, rispettivamente, 3.111 e 1.605 pazienti sono stati considerati MRD-negativi.

L'analisi del caso base ha rivelato che il raggiungimento della negatività MRD era associato a un miglioramento significativo sia della sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio [ HR ] = 0.33; IC 95%, 0.29-0.37; p inferiore a 0.001 ) sia della sopravvivenza globale ( HR = 0.45; IC 95%, 0.39- 0.51; p inferiore a 0.001 ).

Sono stati anche stimati gli hazard ratio per la sopravvivenza PFS e OS in diversi sottogruppi, compresi il setting di malattia, le soglie di sensibilità della malattia MRD, il rischio citogenetico, il metodo di valutazione della malattia MRD, la profondità della risposta clinica al momento della misurazione della malattia MRD e la misurazione dello stato di malattia MRD prima e dopo l'inizio della terapia di mantenimento.
In ciascuna di queste analisi, la negatività della malattia residua misurabile è risultata correlata a una maggiore probabilità di so pravvivenza PFS e sopravvivenza OS, rispetto alla positività della malattia MRD.

Ad esempio, i pazienti idonei al trapianto con mieloma multiplo di nuova diagnosi che erano MRD-negativi avevano una sopravvivenza mediana libera da progressione di 61.0 mesi, rispetto ai 24.1 mesi di quelli che erano MRD-positivi.
Inoltre, i tassi di sopravvivenza libera da progressione a 5 anni per i pazienti MRD-negativi e MRD-positivi sono stati, rispettivamente, del 51% e del 24% ( p inferiore a 0.001 ).

Il beneficio di sopravvivenza libera da progressione con negatività MRD è stato osservato anche nei gruppi a rischio citogenetico ( HR = 0.45 per citogenetica ad alto rischio e HR = 0.40 per citogenetica a rischio standard ).

I limiti della meta-analisi erano l'inserimento di studi che variavano per quanto riguarda i metodi di rilevamento della malattia residua misurabile, così come il potenziale rischio di bias di pubblicazione, dovuto, secondo i ricercatori, alla mancanza di dati a livello di singolo paziente. ( Xagena2020 )

Fonte: Blood Advances, 2020 [ Munshi NC et al, Blood Adv 2020; 4: 5988-5999 ]

Emo2020 Onco2020



Indietro